Visibilità ai massimi livelli. Va bene tutto: la denuncia, l’exploit, l’indecenza portata alla ribalta etc, etc. Ma, e qui scateno sicuramente un boato incontenibile, non è tutto oro quello che risalta. Fedez & signora ci sanno fare. Da sempre. Ogni occasione è buona per cospargere le copertine dei giornali, per annoverare miliardi di followers, per mettere in strada ogni intimità, dai vari pancioni alla sala parto, a un bacio succinto a colazione, alla raccolta fondi sbandierata urbi et orbi, insomma, da ogni loro respiro fino al ciclone del primo Maggio. E, differenziando le occasioni, si differenziano e moltiplicano anche i tempi di ‘recupero’.
Ecco perché uno scandalo come quello fatto esplodere ieri sera dal Federico internazionale non mi sa di vero. Le rivolte sono sacrosante ma c’è modo e modo di farle. Scegliere un palco così in evidenza e così seguito, a me sembra una mossa tattica. Scusate ma lo penso. Ignorare le ‘richieste censorie’ e pronunciarsi in diretta sul proprio punto di vista, senza la messa in scena (letteralmente) di tutto l’ambaradan delle varie registrazioni, video, telefonate e reazioni irose al seguito, sarebbe stata, ugualmente, una grandissima rivoluzione. Degna di tutto rispetto e consenso. Ritengo che l’eccesso non sia mai auspicabile, in nessun contesto. Fedez ha fatto troppo. E questo mi porta a credere che non ci sia tutta questa generosità verso la categoria degli artisti, contro una politica ignobile, contro i bavagli etc. Intravedo un grande calcolo, invece, nella sua sciabolata da paladino. Interviste, ospitate, prime pagine, denunce ed eventuali querele: è un gioco duro ma lui ne conosce bene le regole. La sua vita è sempre stata sulla cresta dell’onda e scendere a livelli di bonaccia non gli appartiene. Dare l’esempio è un’altra cosa. Fare giustizia anche. Ed il suo ‘volontariato’ non è credibile: le cose urlate poi, rischiano, sempre, di arrivare distorte, deviate e fraintese; fuori fuoco o dall’odore che fa arricciare il naso. E, per fortuna, non sono la sola a pensarlo.
<img class="j1lvzwm4" src="data:;base64,” width=”18″ height=”18″ />
 
 
© web

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome