“Ad occhi chiusi”, Sellerio (2003) è la prima opera di una trilogia di opere di narrativa dedicata a Gianrico Carofiglio. Proseguirò, quindi, con la recensione de “Il silenzio dell’onda”, Rizzoli (2011)  e di “Né qui né altrove”, Laterza (2008) in una scelta più emotiva che preconfezionata.

Buona lettura a tutti  

AD OCCHI CHIUSI.

Guido Guerrieri, affermato penalista barese e uomo alla ricerca continua della propria identità personale e professionale, ama passeggiare in solitaria al mattino presto e nelle ore notturne per stemperare la sua insofferenza e la sua ansia. Non è persona dalle scelte facili in nessun ambito. Separato, ha una relazione stabile con Margherita, professionista e donna evoluta e consapevole, che ne ha capita la personalità complessa e che si mostra assai rispettosa dell’autonomia del suo compagno oltre che della propria.

In tribunale Guido accetta di occuparsi della causa di stalking intentata dalla giovane Martina Fumai all’ex fidanzato dott. Scianatico, medico dalla vita torbida ma intoccabile perché figlio di un presidente di sezione di Corte d’Appello, a sua volta difeso dall’avvocato Dellisanti, principe del foro barese.  

Guerrieri è tormentato da alcuni nodi esistenziali che non è riuscito a sciogliere e da qualche fobia che non riesce a superare nonostante si impegni con tutto sé stesso per farlo; eppure Martina con la sua fragilità riesce a smuovere il suo senso di empatia più profondo, nonostante la contropartita sia quella di impelagarsi in una situazione lavorativamente per lui difficile da gestire. La ragazza gode dell’appoggio di suor Claudia, figura enigmatica e con un passato non semplice alle spalle, esperta di arti marziali e impegnata nel sociale per affrancarsi da un grave trauma subito in età infantile e adolescenziale.
Il romanzo è la fotografia fedele di una città di medie dimensioni desiderosa di emanciparsi sempre di più mantenendo come punto fermo la solidità della propria tradizione e consuetudine culturali; lo stile,  assai scorrevole come nella migliore tradizione di Carofiglio,  fa sì che il romanzo si legga senza sforzo ed abbia anche in quest’occasione come felice contrappunto l’arricchimento delle scelte musicali di Guerrieri che ben contestualizzano alcune situazioni narrative oltre a fornire indizi ulteriori sulla personalità del protagonista.
Un’opera ben congegnata sulla falsariga del romanzo noir che concilia i gusti e le preferenze di chi stenta ad avvicinarsi a questo genere letterario per la pacatezza e l’eleganza con cui affronta temi forti e corposi come l’incesto, la violenza sessuale su minori, il femminicidio, senza indulgere compulsivamente in particolari dal gusto pulp, estremo. Lasciando intravedere un filo di speranza sulle capacità rigeneratrici di coloro che hanno deciso di vivere e non semplicemente di sopravvivere, mettendosi per questo in discussione e accettando di inquadrare il mondo dall’alto e con lentezza dalla prospettiva per nulla scontata di un lancio con paracadute in tandem.

Autore:

Gianrico Carofiglio
Titolo:

Ad occhi chiusi

Collana:
La memoria

Pagine:

256

Codice isbn:

883891905-4

Prezzo in libreria:

€ 12

Codice isbn Epub:

9788838926631

Prezzo ebook:
€ 8,49

Data Pubblicazione:

21-11-2003

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome