Perché le raccolte di racconti sono spesso accolte così male dal pubblico?                                                                                            Eppure riuscire a scrivere un racconto non è affatto facile, né da tutti: bisogna avere il dono della sintesi, la capacità di meravigliare e di saper concludere senza fermarsi. 
Credo sia stata un’idea apprezzabile la scelta editoriale, fatta da Musicaos Editore, di pubblicare “In bilico. Storie di animali terrestri”, una raccolta di racconti scritta da undici differenti autori.
Si riesce, in un solo volume, a essere catapultati su un intero universo, vario e difforme di autori, ognuno con la propria peculiarità, il proprio stile. Ognuno può ritrovarsi in quello o piuttosto in quell’altro, fra la parole di uno o gli incubi di un altro.

Io, ad esempio, mi sono ritrovata travolta ed emozionata dalla penna di Marco Goi e il suo racconto sulla tragica fine di Sarah Scazzi, narrato come una sorta di incubo, ovattato e surreale, vissuto dalla protagonista stessa.

Poi, sono stata letteralmente trascinata giù, sempre più giù, assieme al Piccolo Alfredino Rampi, nella descrizione della discesa lenta e inafferrabile, giù fino al centro della terra, fatta con maestria e tanta poesia da Belisario Laveneziana

Così come mi ha emozionato la solitudine descritta così bene da Paolo Colavero o la stessa solitudine vissuta come diversità/unicità da Luigi De Gregorio.                                                                                                                                                             

C’è tanta solitudine e precarietà tra le righe delle storie di tutti, perché sono uomini e donne del proprio tempo, con le stesse paure e le stesse insicurezze. Insomma, ce n’è per tutti i gusti e soprattutto c’è tanta emozione nelle storie di “In bilico. Storie di animali terrestri” ma solo per chi ha ancora voglia di lasciarsi emozionare.                                                                                                   Solo per chi non ha paura di rimanere in bilico.

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome