NOALTER: punk contaminato con post punk e cantautorato nel loro Ep “CREATURA ANALOGICA”

104

Nati da un idea del cantautore bresciano Nicholas Balteo e della polistrumentista piemontese Alice Pondrelli, i NOALTER fondono l’amore per l’Irlanda e la canzone d’autore con un ruvido punk-rock old school in cui chitarra e basso si fondono sopra una solida ritmica elettronica.

Dopo 10 anni di esperimenti sonori, tre album auto-prodotti e centina di concerti, la band si lega all’etichetta Fil1933 Group per dare inizio ad un nuovo capitolo artistico. Nasce così l’ EP “CREATURA ANALOGICA” pubblicato il 28 gennaio scorso e composto da 5 brani inediti incisi sotto la guida artistica del produttore Matteo De Napoli.

In contemporanea viene pubblicato il video del provocatorio singolo “ODIO” in cui la band si diverte a sdrammatizzare con una parodia del famoso programma televisivo “Ma Come Ti Vesti?”. Particolarità della formazione è SAM PUNKRAZIO, droide elettromeccanico considerato il terzo membro dei NOALTER e programmato per suonare le parti di batteria durante i concerti.

Con l’energetica “I santi tossiscono” si apre l”EP e capiamo subito di che pasta sono fatti i NOALTER che cercano di proporre (riuscendoci) un proprio sound, slegato dal resto della scena musicale italiana. Segue la provocante “Odio” dove il testo diventa ancora più incisivo e diretto. Ne “La stanza di Junko” la massiccia presenza di distorsione fa venir fuori la vena post-punk della band. Discorso a parte per le ultime due tracce che sembrano distaccarsi dal resto ma che comunque mantengono intatto e coerente il discorso di questo EP.

Dalle atmosfere piacevoli e meno incisive di “Questione di stile” si arriva all’ ultima traccia ,“Sei corde”, che, rispetto alle precedenti, sembra strizzare l’occhio al classico cantautorato.

CREATURA ANALOGICA” è disponibile in digitale (Spotify, iTunes, Amazon, Qobuz, Deezer e tanti altri) e in Digipak.

Links per lo streaming dell’album:

https://open.spotify.com/album/05gSmczEa1vwSeeM0TnXDU

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome