HomeMusicaEnrico Cortellino racconta il suo nuovo singolo "Elettra"

Enrico Cortellino racconta il suo nuovo singolo “Elettra”

Dal 18 settembre sarà disponibile in rotazione radiofonica “ELETTRA” (LaPOP), brano estratto dall’ultimo progetto discografico full lenght di CORTELLINO dal titolo “Solo quando sbaglio” e già disponibile su tutte le piattaforme di streaming.

Elettra” è un brano dalle molteplici ispirazioni. La prima e fondamentale è proprio Elettra, la macchina della luce ideata dal fisico quantistico Luciano Fonda: l’idea della macchina della luce è stato lo stimolo che ha acceso l’immaginazione dell’autore, come una lampadina. La seconda è invece il mare, dimensione che accompagna da sempre Cortellino poiché la sua città, Trieste, si affaccia sull’Adriatico. Il mare diventa uno specchio in cui l’uomo si riflette e diventa metafora dell’esplorazione di sé.

Come racconta l’autore a proposito del brano: «Ero a passeggiare nei boschi nelle vicinanze di Basovizza, in provincia di Trieste, dove si trova la macchina Elettra e l’istituto di ricerca Elettra Sincrotone Trieste, e nella mia mente è apparsa questa canzone».

Il videoclip ufficiale di “Elettra” è stato realizzato in collaborazione con il villaggio Ugandese Namuwongo Village Kampala ed al performer ugandese Kyxkajiiko. A proposito di quest’ultimo, Cortellino racconta: «Gli piaceva la mia canzone, così mi ha preparto questa coreografia, esibita assieme ad altri ballerini e ai bambini del villaggio».

Ecco la nostra intervista a Cortellino.

Ciao Enrico, piacere di conoscerti. Credi che la città di Trieste influenzi il tuo stile di scrittura e i tuoi brani?

Certo! Il mare, la posizione geografica, stare in un crocevia di influenze, nella Mitteleuropa, con la storia della mia città , indubbiamente influenzano la mia scrittura.
 
A cosa pensi quando ascolti i tuoi dischi precedenti?

Ti dirò la verità. Penso sempre che potevo registrarle meglio, e penso ai momenti che ho racchiuso dentro alle canzoni. Sono ossessionato dai particolari sonori e cerco sempre di migliorarmi.
 
Qual è stata la soddisfazione più grande che hai ottenuto fino ad oggi?
Nella vita, indubbiamente il giorno in cui è nata mia figlia. Nella carriera posso dirti che sono felice quando la gente mi chiede delle mie canzoni e si confronta con me sul valore dei testi che comunico. Ecco, questo mi emoziona, quando per un attimo riesco a toccare il cuore della gente.
 
Il concerto dei tuoi sogni che vorresti fare in futuro?

Ecco… Il mio sogno è modesto, mi basta  un bel palco in un locale colmo di energie positive con gente che vuole divertirsi.
Come hai sviluppato l’idea di “Elettra”?

Ho pensato alla fisica quantistica ed al fatto di come potrebbe essere un mondo con l’ energia libera. Il pensiero di Luciano Fonda il padre di Elettra la macchina di luce del sincrotrone di Trieste mi ha guidato in questa canzone. È una riflessione sulla vita e sull’energia. 
spot_img

ALTRI POST DELL'AUTORE

TRENDING POSTS