X Festival della Diplomazia presenta: THE DOC SIDE OF DIPLOMACY

6

“A World Cup of Spies” di Niels Holm e Jon Adelsten sui retroscena dell’assegnazione del Mondiale di calcio 2018 alla Russia

 “Venezuela, la maledizione del petrolio” di Emiliano Sacchetti

“Mareyeurs” di Matteo Raffaelli, su pesca intensiva e sfruttamento dei mari

22, 23, 24 ottobre 2019, ore 19.00 – Apollo 11, Via Nino Bixio, 80 /A
Ingresso gratuito. Tessera 3 euro

Un focus su grandi questioni internazionali lette attraverso tre documentari in grado di trattare con attenzione temi al centro della cronaca e dell’attualità: questo è ciò che proponeThe Doc Side of Diplomacy”, rassegna che, in occasione del decimo Festival della Diplomazia, vedrà al Cinema Apollo 11 di Roma il 22, 23 e 24 ottobre, tre giorni dedicati al racconto per immagini.

In programma: “A World Cup of Spies” di Niels Holm e Jon Adelsten che svela i retroscena che hanno portato all’assegnazione del Mondiale di calcio 2018 alla Russia, il 22 ottobre alle 19.00;  “Venezuela, la maledizione del petrolio” di Emiliano Sacchetti, il 23 ottobre alle 19.00; Mareyeurs di Matteo Raffaelli, su pesca intensiva e sfruttamento dei mari, il 24 ottobre alle 19.00.

A World Cup of Spies” è un documentario d’inchiesta danese, che svela i retroscena che hanno portato all’assegnazione del Mondiale di calcio 2018 alla Russia. La videoinchiesta realizzata dai reporter danesi Niels Holm e Jon Adelsten non riesce a dimostrare i sospetti di corruzione nei confronti dei delegati incaricati di assegnare la Coppa, ma porta in luce la battaglia sotterranea tra gruppi di intelligence.

La proiezione del film sarà accompagnata da un dibattito guidato da Dario Saltari, autore del podcast “Trame” prodotto da Fenomeno e Spreaker, a cui parteciperanno Diana Bianchedi, dirigente CONI, e Giovanni Tartaglia Polcini, consigliere giuridico del MAECI.

“Venezuela, la maledizione del petrolio” è un documentario di Emiliano Sacchetti, prodotto da GA&A Productions, in coproduzione con Gruppe5/ZDF, in associazione con Arte.

Aprile 2019. Il futuro del Venezuela è appeso ad un filo. A vent’anni dall’inizio della Rivoluzione Bolivariana uno dei paesi più ricchi del Cono sur, è al centro di una crisi umanitaria senza precedenti per la regione: stritolato tra corruzione e povertà, sanzioni economiche e iperinflazione, è sull’orlo della guerra civile. Il documentario racconta l’hic et nunc di un Paese in caduta libera, un emblematico case study di geopolitica internazionale in cui Stati Uniti, Russia, Cina ed Europa stanno misurandosi in nome del petrolio. La proiezione del film sarà accompagnata dalla giornalista Giulia De Luca, consulente giornalista del documentario, Nicola Bilotta, ricercatore IAI, e Jorge Ireba, già diplomatico di carriera e titolare della cattedra di Derecho Iberoamericano, Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Roma Tre.

Mareyeurs” di Matteo Raffaelli, Prodotto da Ocean Film di Francesco Congiu in collaborazione con HF4 di Marco Del Bene, è un racconto attento e minuzioso di come lo stravolgimento di una filiera produttiva locale possa andare a intaccare la vita quotidiana di tutti, su scala mondiale. Ibrahima è un giovane mareyeur, intermediario tra pescatori e dirigenti delle aziende di pesca locali. Preoccupato dalla scarsità del pesce in Senegal e dalla costante diminuzione del suo reddito, matura in lui l’idea di emigrare in Europa. Troverà sul suo cammino delle persone che cercheranno di dissuaderlo e questo lo porterà a mettere in dubbio il suo progetto. Insieme alla figura di Ibrahima, ad animare e restituire al pubblico il quadro complesso di un’Africa raramente protagonista di documentari come Mareyeurs, è una costellazione di personaggi unici e reali come Mame Fotou Kaire impreditrice a capo del sistema matriarcale del commercio del pesce nella città di Saint Luis.
Intervengono Carlo Fontana, Capo Redattore TGR RAI Lazio e Angela Caponnetto, Giornalista Inviata RaiNews24.

Il programma completo:

www.festivaldelladiplomazia.eu

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome