Wilhelm Furtwangler: al Teatro Stanze Segrete un gioiello d’arte e filosofia

12

Un cast di attori eccezionale, una profonda riflessione filosofica, un pezzo di storia adattato per lo spazio immersivo del Teatro Stanze Segrete di Roma: questo e molto altro ancora è “Wilhelm Furtwangler. Processo all’Arte” in scena fino al 9 febbraio nel teatro diretto da Ennio Coltorti.

Proprio Ennio Coltorti, affiancato da un ineccepibile Marco Mete, insieme a Tomaso Thellung, Virna Zorzan, Licia Amendola, Federico Boccanera è il protagonista di uno spettacolo che travalica i confini della performance per andare a toccare corde e riflessioni di portata esistenziale, mantenendo il mistero irrisolto, seppur analizzandolo e scandagliandolo in ogni suo passaggio.

Devono l’arte e l’artista nella sua creazione, prendere posizione attiva nel mondo? Ne hanno l’obbligo morale, oppure hanno solo la missione di comunicare un messaggio attraverso la bellezza che tramandano? La bellezza è un messaggio politico in sé, oppure necessita di schieramenti di sorta del bene sul male?

Gli interrogativi sviluppati da Coltorti, che ha adattato e diretto “Wilhelm Furtwangler. Processo all’Arte”, liberamente tratto da

Ronald Harwood, stuzzicano lo spettatore senza imporgli risposta alcuna, riuscendo, anzi, a mostrare le varie teorie, le facce della medaglia, dando voce alle diverse posizioni senza parteggiare per nessuna. Un’impresa non facile e perfettamente riuscita che fa sì che lo spettacolo risulti un appuntamento oltre il teatro, una vera e propria esperienza intellettuale ed emozionale, supportata da una squadra d’attori di altissimo livello, come non se ne vedono spesso.

Consigliatissimo.

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome