– SOGNATORI – Luis Navarro: ” Vivo di sogni mi danno il coraggio di reinventarmi”

8

Luis Navarro, Nome d’arte di Luigi Bollito, nasce a Caserta l’8 aprile 1990. Cresciuto a Marcianise (CE), a sei anni inizia a suonare il pianoforte. Appassionato di musica pop, solo due anni dopo scopre di possedere qualità canore partecipando per puro caso ad una kermesse della sua provincia Partecipa alla trasmissione televisiva di Rai 1 Domenenica In nel 2002, condotta da Carlo Conti e Mara Venier. Negli anni successivi partecipa all’Accademia di Sanremo (2002), Girofestival (2003), Festival Pop&Co. (2004) classificandosi nei primi sedici. Tra il 2004/2005 partecipa al programma televisivo “Stelle Emergenti” trasmesso da più reti televisive (Telenapoli Canale 34, ODEON, Videolook Channel) la cui puntata finale viene trasmessa nel Settembre 2005 da RAI2. Nel 2006 scrive il brano “Non sei più tu”, dallo stile latin-pop. Il 2008 è un anno di soddisfazioni e di sacrifici: il suo Vida Loca tour08 conquista tantissime piazze del centro-sud Italia, in particolar modo della Campania. Durante l’estate 2009 dello stesso anno gira alcune piazze del sud italia con il suo Corazòn Latino tour09 con l’ausilio di diversi musicisti e manager, ma lo stile prevalente è sempre lo stesso, il LATIN-POP, più approfondito dalla sua esperienza fatta in Spagna nel mese di Aprile dello stesso anno. Il 2011 è l’anno del debutto dei suoi singoli El Amor Que Yo Querria e Otra Vez Bésame. Il 10 febbraio dello stesso anno viene pubblicato il suo primo album, titolato come la canzone Otra Vez Bésame, con l’etichetta Sangre90 Music. L’album contiene 10 tracce nell’immancabile stile latin-pop influenzato anche da ritmi caraibici, con testi sia in spagnolo che in italiano.


Luis , com’è iniziato il tuo percorso musicale ?

Ho cominciato la mia carriera all’età di 6 anni, suonando il pianoforte. E’ stato un vero e proprio amore a prima vista. All’età di otto anni invece ho cantato per la prima volta ad una cerimonia in famiglia, da lì non mi sono più fermato.

Quali tappe ritorni fondamentali ?

La prima tappa fondamentale della mia vita è stata la prima partecipazione ad un programma televisivo, con precisione Domenica In nel 2002 in onda come sempre su Rai1, in quella edizione condotto da Carlo Conti e Mara Venier.
Successivamente ho avuto modo di ritornare in TV, come ad esempio nel 2009 ad Amici di Maria De Filippi, con una sfida estemporanea, ma “la prima volta non si scorda mai”, e poi a “Mamma Rai” sono affezionato particolarmente.
Un’altra tappa fondamentale della mia vita è stata l’incontro con il dj Gianpiero Ibiza, con il quale ho firmato due brani e un contratto discografico con X-Energy, l’attuale etichetta che ha nel suo roaster Laura Pergolizzi (LP). All’epoca fu un vero e proprio shock ritrovarsi distribuiti in tutta Europa, ed essere affiancati nella stessa compilation con Pitbull, Shakira e Dj Antoine.
Inutile poi che sottolinei quanto sia stato per me importante l’incontro con Viola Valentino e Francesca Alotta, due artiste con le quali ho potuto collaborare e duettare, due icone della musica italiana.

Cosa bolle in pentola adesso ?

In cantiere ci sono tanti progetti, ho già pronto un brano con un artista sudamericano della Universal Music Latin, ed altre collaborazioni che vanno ancora definite.

Perché ami la musica ?

Della musica amo il fatto che non abbia confini, ed io amo cimentarmi in ogni genere musicale. Lo dimostra il fatto che nasco come artista di musica latina e dance, ma ho cantato spesso musica pop italiana ed ultimamente ho affrontato la canzone d’autore scrivendo un brano con un poeta, un’esperienza del tutto diversa da quelle precedenti. Dirigo un coro Gospel ed amo la musica classica, sono stato persino produttore di musica rap.

Un sogno nel cassetto ?

Ho tanti sogni da realizzare, vivo di sogni, mi aiutano a sentirmi ogni giorno una persona nuova, mi danno il coraggio di reinventarmi.

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome