Presentato alla Regione Calabria “Domux Nadia” – Percorso innovativo dell’assessorato alle politiche sociali del Comune di Rende

0
699

Nadia Mondera, affetta da Sla e collaboratrice del Comune di Rende, è consulente sulla disabilità. Un impegno significativo e di grande supporto all’amministrazione. Un incarico voluto un anno fa dal sindaco Marcello Manna con Nadia Mondera che, nonostante la sua invalidità, non si è abbattuta e con gli occhi continua a comunicare, disegnando parole che oggi si traducono in concreta gioia. Ecco, infatti, un grande traguardo. A comunicarlo l’assessore alle politiche sociali del Comune, Annamaria Artese con il progetto “Domux Nadia”, presentato in Regione : «Spero sia finanziato per un milione di euro» ha dichiarato la Artese. Un progetto distrettuale con Rende Comune capo fila, un progetto dove Nadia ha partecipato inserendo le sue note che sono state molto utili per quel dettaglio fondamentale che è la visione da parte di chi deve usufruire di questa speciale casa. Il disabile al centro di tutto. La mission di “Domux Nadia” sarà quella di porre la tecnologia al servizio delle persone con disabilità, fornendo prestazioni complesse attraverso una consulenza personalizzata. “Domux Nadia” è un nuovo concetto di centro diurno, con mostra permanente per la sperimentazione di automazioni e di tecnologie informatiche assistive per la completa autonomia delle persone con disabilità in un reale ambiente di vita, sarà ausilioteca per aprirsi al mondo della disabilità e accessibilità. La Domux sarà al servizio di quelle persone che vivono situazione di disabilità, congenita o acquisita, e limitazioni della propria autonomia in genere. Persone non autosufficienti che incontrano difficoltà pratiche nella vita quotidiana, ma destinata anche alla frequentazione da parte dei loro familiari, medici, terapisti, insegnanti e scolaresche, operatori sociali, volontari e chiunque voglia condividere gli spazi messi a disposizione, nel segno della rete. Un punto di riferimento dove potersi avvalere del consiglio di esperti e disporre di informazioni accurate, affidabili e complete. Nel progetto, naturalmente, è previsto anche il luogo dove sorgerà questa “casa speciale” ed è l’ex Caserma dei Carabinieri di Rende. In pratica dietro l’asilo comunale Nido Peter Pan. Grande soddisfazione da parte dell’assessore Annamaria Artese: «Questo progetto è approvato all’unanimità dai sindaci dei Comuni che sono nel distretto e quindi per noi è motivo di grande orgoglio e poi sono felice per Nadia. Del resto il nome che abbiamo dato al progetto dice tutto. Abbiamo seguito la linea del sindaco. Un sindaco che al sociale tiene in modo particolare. Si sta lavorando tanto, in silenzio, ma bene e nei prossimi giorni saranno annunciate altre novità interessanti per la nostra città».

Articolo precedenteVita di paese – Maria Caterina Basile
Prossimo articoloCosenza – Stage di canto con Lighea e Gianni Testa
Antonio Sergi
Antonio Sergi è giornalista pubblicista. Nato il 6 luglio 1988 a Reggio Calabria, dopo gli studi universitari si è specializzato in cooperazione internazionale e ha conseguito master in diritto. Ha pubblicato saggi e romanzi. Autore e conduttore di programmi radiofonici e televisivi, ha lavorato e collaborato per diverse emittenti televisive locali e nazionali, ricevendo riconoscimenti per il suo lavoro. Attualmente insegna giornalismo televisivo, collabora con Gazzetta del Sud e ilGiornale.

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome