HomeMusicad'AutoreIntervista al cantautore romano Claudio Battaglia, in occasione dell’uscita del singolo d'esordio...

Intervista al cantautore romano Claudio Battaglia, in occasione dell’uscita del singolo d’esordio “Cado giù”

“Cado giù” è il singolo d’esordio, dell’artista romano Claudio Battaglia, disponibile dal 29 aprile 2022 su tutte le piattaforme digitali e dal 06 maggio in rotazione radio e video, distribuito da (R)esisto. Produzione artistica Michele Guberti (Massaga Produzioni), realizzato presso il Natural Headquarter Studio di Ferrara.

Claudio battaglia, Roma, classe 1989. Nasce e comincia a crescere al sorgere di un decennio surreale, dove i sogni contano, hanno la giusta importanza e niente è irrealizzabile.
La voglia irrefrenabile di suonare e fare musica lo contagia fin dai primi anni di vita… la prima volta che ha visto una chitarra è stato amore a prima vista. Ha cominciato col prendere lezioni ed in poco tempo è entrato a far parte dell’orchestra della scuola dal 2010… musica classica, numerosi concerti, esibizioni, ma non era quello che desiderava.
In quegli stessi anni, muove i primi passi con alcune band, mentre si accorge, influenzato dai grandi nomi del cantautorato italiano, che il bisogno era quello di scrivere e dar vita in musica a i pensieri, le gioie e i malumori dettati proprio da quella generazione che gli stava stretta.
Scrive, cresce e suona, tra il 2007 e il 2010, passo da band “rock/punk” a sposare progetti pop altrui, da chitarrista turnista fino al rap, per poi ritrovarsi in un vero e proprio blackout e dedicarmi a tutt’altro.
Nel 2013 si riaccende l’esigenza di ripartire con la realizzazione di un progetto nuovo, da solista, personale.
Così, l’alternarsi di produzioni realizzate da Emanuele D’onofrio noto producer romano nel mondo del rap, a quelle curate da Filippo Stefanelli compositore produttore e Maestro Collaboratore dell’Accademia di Santa Cecilia, che lo ha portato sui palchi di importanti contest musicali a livello nazionale, come nel 2019 all’Ariston in occasione delle finali di Sanremo Rock, più numerose esibizioni nei live-club di maggiore peso storico della capitale.
Nel 2019 incontra Massimiliano Lambertini, manager e produttore discografico ferrarese, che sceglie di supportare le sue idee, fino a portarle in studio nel 2021, sotto l’orecchio attento del produttore Michele Guberti.

1) Da qualche giorno è disponibile il tuo singolo d’esordio discografico “Cado giù”, vuoi parlarcene e presentare il progetto?
CADO GIÙ, il singolo d’esordio, è per me un pezzo che finalmente passa dal via dopo numerosi anni dalla sua nascita e che nel tempo non smette mai di rispecchiare i miei stati d’animo, il brano è un confronto tra un me di oggi e quello di ieri che a vicenda si domandano chi, cosa e quale possa mai essere la strada da prendere…non quella giusta non quella sensata ma quella capace di evitare di vivere disagi e malumori in grado di buttare il morale a terra, da qui “CADO GIÙ” che fa parte di un progetto che vede la produzione di una raccolta di alcuni singoli nata in collaborazione con Massimiliano Lambertini di (R)esisto distribuzione e Michele Guberti di Massaga Produzioni presso il Natural Headquarter Studio di Ferrara

2) Quale messaggio veicolano le tue canzoni?
Domanda difficile, a primo impatto sembrerebbe che le mie canzoni possano emanare tristezza a palate, non lo nego.
In realtà in ogni mio brano c’è sempre una vena forse a primo ascolto poco percettibile che include messaggi di speranza, speranza di riuscire a viversi una vita senza dover dipendere da nessuno, senza mai sentirsi in colpa e senza seguir schemi già scritti da terze parti, insomma nessun copione da seguire ma tutto da scoprire!

3) Quali sono i tuoi punti di riferimento musicali?
Poco prima dell’adolescenza, mentre gli altri giocavano a pallone io ascoltavo De André, Guccini e De Gregori
Non so se possono definirsi “riferimenti” ma di sicuro il cantautorato italiano in generale ha influenzato molto la mia esigenza di cominciare a scrivere canzoni.

4) Sei pro o contro ai talent televisivi?
D’impulso direi contrario, ma trovo forse ingiusto doversi schierare pro o contro un qualcosa che attrae così tanti giovani artisti in cerca di visibilità e notorietà.
Penso che una tra le caratteristiche più belle della musica è determinata proprio da come può vivere l’effetto che suscita una canzone un qualsiasi ascoltatore in ogni situazione di buon umore o malessere, una canzone può piacere o non piacere…è a gusto personale e questo non può e non deve essere materiale da usare in una gara in TV, sono sempre stato alla larga dai talent per scelta personale perché secondo me tutta questa competizione svaluta il lavoro di un artista.

5) Progetti futuri?
Dopo l’uscita di CADO GIÙ, vedranno luce altri due singoli che ci porteranno alla fine dell’estate.
Raggiunto quel traguardo mi confronterò con Massimiliano Lambertini di (R)esisto per tornare in studio e completare la produzione del disco completo.

6) Come possono mettersi in contatto con te i nostri lettori e su quali canali si può acquistare/ascoltare il singolo?
Sui miei canali social (instagram,Facebook e twitter),basta digitare il mio nome Claudio Battaglia.
Per quanto riguarda il brano è disponibile su tutte le piattaforme digitali: Spotify, youtube music, deezer, apple music, amazon music e sul mio canale youtube dove c’è anche il video del singolo.

spot_img

ALTRI POST DELL'AUTORE

TRENDING POSTS