A due anni di distanza dal precedente disco, Zic, il cantautore fiorentino finalista di Amici 2017ha pubblicato un nuovo album, Smarties, che è subito balzato in Top20 su Itunes. Noi di Cyrano Factory lo abbiamo incontrato per quattro chiacchiere.

Zic, innanzitutto, ben tornato ! Sono passati due anni dal tuo primo album. Cos’è cambiato musicalmente e come sei cambiato tu? Si potrebbe certamente aprire un capitolo molto lungo, ma per farla breve direi che sono diventato produttore di me stesso. Mi sono concentrato sulla ricerca del suono in maniera maniacale. Anche dal punto di vista testuale è cambiato tutto, scrivo di cose molto più piccole, ascolto moltissimo e ricerco instancabilmente piccoli particolari in qualsiasi situazione. Il mio obbiettivo è quello di dar vita a qualcosa di unico, qualcosa di completamente scollegato dal resto del panorama musicale italiano e spero di esserci riuscito. 
Descrivi “Smarties” come un disco dalle sonorità psichedeliche… Che influenze musicali ti hanno portato a scrivere queste nuove canzoni ? Ascolto veramente tanta musica e qualsiasi genere mi influenza e mi sprona a non avere limiti quando lavoro. Il fattore “psichedelico” lo associo più al mio modo di lavorare, all’utilizzo di synth d’epoca, alla costruzione del suono e alle continua ricerca della performance. 
Viviamo nell’era dell’apparire più che dell’essere. Tu mi sembri molto lontano da questo status. Penso che prima dell’artista venga la tua musica o sbaglio? Io penso che artista e musica debbano andare a braccetto. La musica non può fare a meno di una immagine coerente che faccia arrivare il messaggio nel modo giusto. I social sono importanti proprio perché avvicinano le persone agli artisti, li rendono umani, tangibili. L’ascolto, purtroppo o per fortuna non spetta a me dirlo, non è più l’ unico modo che una persona comune ha per capire cosa un artista vuole esprimere . Perciò per concludere si, l’immagine conta eccome, e la musica è una delle mille cose su cui devi perdere la teste se vuoi avere una possibilità concreta in questo mondo. Questa è la mia opinione. 
Se Lorenzo (vero nome ndr) potesse dare a Zic un consiglio, quale sarebbe? Non te la prendere! 
Per chiudere: tre aggettivi per definire il tuo nuovo lavoro discografico. Difficilissima questa cosa. D’istinto direi psichedelico, fresco e a tratti schizofrenico.

Guarda il video di “Top level”:

https://www.youtube.com/watch?v=pof–7V-6wQ

LASCIA UN COMMENTO

Prego, inserisci il tuo commento
Prego, inserisci il tuo nome